This website translation is under construction, for the full website please visit the English version.

Discorso di Thich Nhat Hanh al Vaticano del 2 Dicembre 2014

Il 2 dicembre 2014, una delegazione di monaci e monache di Plum Village si è recata in Vaticano per rappresentare Thich Nhat Hanh al Vertice dei leader mondiali della fede per porre fine alla schiavitù moderna e al traffico di esseri umani. All’epoca, Thich Nhat Hanh era ancora gravemente malato in ospedale a Bordeaux, in Francia, dopo l’ictus dell’11 novembre. La Venerabile Bhikshuni Sister Chan Khong ha letto il suo discorso davanti all’assemblea, e insieme a Thay Phap An, ha firmato la dichiarazione usando il sigillo personale di Thay, come egli desiderava.  

VERTICE DEI LEADER MONDIALI DELLA FEDE PER PORRE FINE ALLA SCHIAVITÙ MODERNA E AL TRAFFICO DI ESSERI UMANI

Città del Vaticano, 2 dicembre 2014

DISCORSO DEL

MAESTRO ZEN THICH NHAT HANH

Santità, Eccellenze, Eminenze, Carissimi Venerabili, Illustri Ospiti, Signore e Signori, permettetemi di leggere le parole che il nostro amato Maestro Zen Thich Nhat Hanh ha voluto pronunciare qui oggi:

“Siamo grati di essere qui riuniti oggi per annunciare al mondo il nostro impegno a lavorare insieme per porre fine alla schiavitù moderna; e per chiedere a coloro che trafficano in esseri umani di porre fine a questo sfruttamento; e per chiedere ai leader mondiali e alle organizzazioni di proteggere la dignità di queste giovani donne, uomini e bambini. Sono le nostre figlie e i nostri figli, le nostre sorelle e i nostri fratelli.

È chiaro che in quest’epoca di globalizzazione, ciò che accade a uno di noi, accade a tutti noi. Siamo tutti interconnessi e siamo tutti corresponsabili. Ma anche con la massima buona volontà, se veniamo travolti dalle nostre preoccupazioni quotidiane per i bisogni materiali o il benessere emotivo, saremo troppo occupati per realizzare la nostra aspirazione comune.

La contemplazione deve andare di pari passo con l’azione. Senza una pratica spirituale abbandoneremo molto presto il nostro sogno.

Ognuno di noi, secondo l’insegnamento della propria tradizione, dovrebbe praticare per entrare in contatto profondo con le meraviglie della Natura, le meraviglie della vita che si trovano in ognuno di noi, il Regno di Dio, la Terra Pura, il Nirvana in ognuno di noi, in modo da poter ottenere la guarigione e il nutrimento, la gioia e la felicità che nascono dall’intuizione che il Regno di Dio è già disponibile nel qui e ora. Il sentimento di amore e di ammirazione per la natura, che tutti noi condividiamo, ha il potere di nutrirci, di unirci e di rimuovere ogni separazione e discriminazione.

Quando siamo in contatto con tutto ciò che ristora e guarisce, possiamo liberarci dalle nostre preoccupazioni quotidiane per le comodità materiali, e avremo molto più tempo ed energia per realizzare il nostro ideale di portare libertà e compassione a tutti gli esseri viventi. Come dice il Vangelo, “Non preoccupatevi di ciò che mangerete, berrete o indosserete. Cercate prima il Regno di Dio e tutte queste cose vi saranno date. Non preoccupatevi del domani. Il domani si prenderà cura di sé”.

Nel nostro lavoro per porre fine alla schiavitù moderna, dobbiamo trovare il tempo di prenderci cura di noi stessi e di occuparci del momento presente. Così facendo, possiamo trovare una relativa pace nel nostro corpo e nella nostra mente per continuare il nostro lavoro. Dobbiamo riconoscere e abbracciare la nostra sofferenza, la nostra rabbia, la paura e la disperazione, in modo che l’energia della compassione possa essere mantenuta nei nostri cuori. Quando avremo più chiarezza nella nostra mente, avremo compassione non solo per le vittime, ma anche per i trafficanti stessi. Quando vedremo che i trafficanti hanno sofferto, potremo aiutarli a risvegliarsi e smettere di fare ciò che fanno. La nostra compassione può contribuire a trasformarli in amici e alleati della nostra causa.

Per sostenere la nostra opera di compassione, abbiamo tutti bisogno di una comunità spirituale che ci sostenga e ci protegga – una vera comunità, dove ci sia vera fratellanza e fratellanza, compassione e comprensione. Non dovremmo fare questo lavoro come cavalieri o guerrieri solitari. Le radici della schiavitù moderna sono profonde, e le cause e le condizioni, le reti e le strutture che la sostengono sono complesse. Ecco perché dobbiamo costruire una comunità che possa continuare questo lavoro per proteggere la vita umana non solo fino al 2020, ma per molto tempo nel futuro.

Il mondo in cui viviamo è globalizzato, e lo è anche questa nuova forma di schiavitù, che è collegata ai sistemi economici, politici e sociali. Quindi anche la nostra etica e la nostra morale devono essere globalizzate. Un nuovo ordine globale richiede una nuova etica globale. Dobbiamo sederci insieme, persone di molte tradizioni, come stiamo facendo ora, per trovare le cause di questa sofferenza. Se guardiamo insieme profondamente, con chiarezza, calma e pace, comprenderemo le cause della schiavitù moderna, e potremo trovare una via d’uscita”.

Contribuisci a questa conversazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nascondi Trascrizione

What is Mindfulness

Thich Nhat Hanh January 15, 2020

00:00 / 00:00
Mostra Nascondi Trascrizione Chiudi