This website translation is under construction, for the full website please visit the English version.

Insegnamenti chiave

Gli innovativi insegnamenti di Thich Nhat Hanh su consapevolezza, “interessere” ed etica impegnata hanno aperto nuove strade per praticanti, mediatori di pace, attivisti, educatori, uomini d’affari e politici in tutto il mondo.

Consapevolezza

Thich Nhat Hanh iniziò a offrire insegnamenti sulla consapevolezza in Occidente nei primi anni Settanta. Il suo libro pubblicato nel 1975 The Miracle of Mindfulness (ed. it. Il miracolo della presenza mentale. Un manuale di meditazione,Ubaldini, 1992) introduceva nuove pratiche da lui sviluppate per ispirare i suoi studenti e assistenti sociali in Vietnam, per aiutarli a superare le incertezze e le difficoltà dovute alla guerra.

La presenza mentale aiuta a vivere in profondità ogni momento della tua vita.

Thich Nhat Hanh

I don’t think that I would have had the inner stamina, the depth of optimism, the depth of commitment, the depth of the inspiration if I had not been accompanied by the teachings of Thich Nhat Hanh.

Christiana Figueres, UNFCCC Chair of the Paris Climate Agreement

Thich Nhat Hanh trovò modalità nuove per insegnare l’arte del respirare e del camminare in consapevolezza quale base della meditazione. Creò semplici pratiche come lavarsi i denti in consapevolezza, lavare i piatti in consapevolezza e la “meditazione del mandarino”. Sviluppò un nuovo stile di meditazione camminata e nuovi modi per combinare l’ascolto profondo con la consapevolezza della compassione per facilitare la comunicazione. Introdusse un modo gentile di guidare i gruppi di meditazione, che consentisse anche ai principianti di accostarsi alla meditazione del respiro per contemplare, affrontare e guarire le proprie difficoltà, invece di sfuggire al momento presente.

Respirare in consapevolezza ci aiuta a gestire le emozioni forti, come rabbia, paura, ansia e disperazione, e ci aiuta a generare momenti di felicità nella vita di tutti i giorni. Per Thich Nhat Hanh, la consapevolezza è un’energia da coltivare durante tutta la giornata, che ci aiuta ad agire con compassione in modo da alleviare la sofferenza in noi stessi e nel mondo.

Un sentiero, non uno strumento

Thich Nhat Hanh insegna sempre la consapevolezza nel contesto di un comportamento etico. L’energia della consapevolezza è accompagnata dal consumo consapevole, da relazioni consapevoli e da mezzi di sostentamento etici. Non è possibile separare la consapevolezza dal parlare in consapevolezza, dall’agire in consapevolezza, dal lavorare in consapevolezza e dall’agire nel mondo in consapevolezza.

La consapevolezza non è uno strumento o un mezzo per ottenere qualcos’altro, che si tratti di guarire, avere successo, fare soldi o vincere. La vera consapevolezza è un sentiero, una scelta di vita etica, e ogni passo su questo sentiero può già portare felicità, libertà e benessere a noi stessi e agli altri. La felicità e il benessere non sono una questione individuale. Noi intersiamo con tutti gli esseri umani e con tutte le specie.

Ecologia

Gli insegnamenti di Thich Nhat Hanh sull’“interessere” (un termine da lui coniato negli anni Ottanta) hanno aperto la strada ad un’ecologia buddhista profonda. Facendo riferimento ad antichi testi buddhisti, come il Sutra del Diamante, spiega l’insegnamento buddhista del “non-sé” alla luce dell’ecologia: “Non è possibile separare gli esseri umani dall’ambiente. L’ambiente è negli esseri umani e gli esseri umani sono parte dell’ambiente… [Anche] la distinzione tra esseri umani e non umani scompare dopo aver meditato”.

Si è fatto portavoce di una soluzione che coinvolga gli esseri umani per risolvere la crisi climatica. “Non abbiamo bisogno di nuova tecnologia per proteggere il pianeta,” sostiene Thich Nhat Hanh. “Abbiamo bisogno di una vera comunità e di cooperazione. Dobbiamo instaurare una comunicazione vera – vera comunione – con noi stessi, la Terra e gli uni con gli altri”.  Solo quando siamo in grado di provare vero amore per la Terra, dice, avremo l’immensa energia necessaria per operare i cambiamenti radicali necessari per salvare la nostra civiltà.

È necessaria una rivoluzione e deve iniziare dentro di ognuno di noi. Dobbiamo svegliarci e innamorarci della Terra. La nostra felicità e sopravvivenza personale e collettiva dipendono da questo.

Thich Nhat Hanh

“Questo tipo di intuizione è cruciale per il risveglio collettivo. Nel buddhismo, parliamo della meditazione come un atto di risveglio, il risvegliarsi al fatto che la terra è in pericolo e che le specie viventi sono in pericolo”.

Azione collettiva

Nel 2007 ha ispirato decine di migliaia di praticanti a praticare una dieta vegana.“In the past Buddhists were vegetarian with the intention to nourish our compassion towards animals. Now we know we should be vegan in order to protect the Earth.”

Taking Refuge in Mother Earth 18:22

Allow yourself to be embraced by the Earth in this deep teaching from Thich Nhat Hanh.

Science, Mother Earth and Einstein’s Cosmic Religion 26:40

Thich Nhat Hanh’s vision for a science-inspired cosmic religion.

“Nel buddhismo parliamo di azione collettiva,” dice. “A volte pensiamo che quando nel mondo accade qualcosa di sbagliato, la causa sono gli altri, non noi. Ma noi partecipiamo a questa azione sbagliata con le nostre scelte di vita”.

“Questo è il motivo per cui è così urgente imparare a cambiare il nostro modo di vivere la vita quotidiana, in modo che ci sia più consapevolezza, più pace, più amore. E lo possiamo fare a partire da ora, da oggi”.

“Per gli attivisti è importante avere una pratica spirituale, che li aiuti a soffrire meno, a nutrire la loro felicità e a gestire la sofferenza, in modo che possano aiutare il mondo in modo efficace. La rabbia e la frustrazione non sono di grande aiuto”.

Watch Thich Nhat Hanh’s Ecology Teachings
We Need to Change our Way of Looking at the Earth
Thich Nhat Hanh in conversation with Dr. David Suzuki
Collective Awakening is Possible

Pace

Il messaggio chiave di Thich Nhat Hanh è che se vogliamo la pace nel mondo, dobbiamo avere la pace in noi stessi. Negli anni di attivismo per la pace, è giunto a vedere come le radici della guerra non sono nelle armi, ma nei nostri cuori e nelle nostre menti, nell’energia della paura, della violenza e della discriminazione alimentate da quello che vediamo, leggiamo, sentiamo e diciamo.

Contribuiamo alla pace o alla guerra in base a come viviamo la nostra vita di tutti I giorni. La consapevolezza mi dice quando sono sulla strada che porta alla guerra ed è l’energia della consapevolezza che mi aiuta a cambiare direzione e a scegliere la pace.

Thich Nhat Hanh

Thich Nhat Hanh insegna che possiamo creare pace nella società, nella nostra nazione e nel mondo solo quando coltiviamo la pace nel corpo e nella mente, rilasciamo la tensione, calmiamo le emozioni forti, verifichiamo le nostre percezioni e facciamo pace con i membri della nostra famiglia e i colleghi.

La pace proibita

Sin da quando era una figura di rilievo del movimento buddhista per la pace in Vietnam negli anni Sessanta, Thich Nhat Hanh ha sostenuto che non può esistere “una guerra per la pace”: la pace inizia con la fine dei bombardamenti. Ha posto l’enfasi sull’importanza del non prendere le parti di nessuno in un conflitto. Ci ha insegnato che “Il vero nemico non è l’uomo. Il vero nemico sono l’ignoranza, la discriminazione, la paura, la brama e la violenza che sono presenti in noi”. 

Pace non è semplicemente l’assenza di violenza; è coltivare la comprensione, la visione profonda e la compassione, combinate con l’azione.

Thich Nhat Hanh

Nel 1966 lasciò il Vietnam per recarsi negli Stati Uniti e chiedere la pace, e pagò questa scelta con l’esilio. Ha aiutato a persuadere Martin Luther King a pronunciarsi contro la guerra, cambiando l’orientamento dell’opinione pubblica. Nel Gennaio 1967, Martin Luther King lo nominò pubblicamente per il Premio Nobel per la Pace, definendolo “un apostolo della pace e della non violenza” le cui “idee sulla pace, se messe in pratica, porterebbero alla creazione di un monumento all’ecumenismo, alla fratellanza mondiale e all’umanità”. Esiliato dal suo paese, Thich Nhat Hanh guidò la delegazione buddhista vietnamita ai Colloqui di Pace di Parigi.

Thich Nhat Hanh shows us the connection between personal, inner peace, and peace on earth.

His Holiness the Dalai Lama

Se vuoi la pace, sii pace

Negli anni Ottanta, Thich Nhat Hanh si rese conto che “nel movimento per la pace c’era molta rabbia”. Disse, “Possiamo portare tutte le bombe sulla luna, ma se non eliminiamo le bombe dal cuore delle persone, la guerra non può che continuare”. A Plum Village, in Francia, iniziò a creare pratiche concrete di consapevolezza per coltivare pace, compassione, ascolto profondo e parola amorevole e per risolvere i conflitti e trasformare paura, ansia e percezioni erronee.

Plum Village sisters walking in peace in Palestine, 2018

La Pace è possibile

Thich Nhat Hanh insegna che la compassione è il modo migliore per garantire la vera sicurezza. Ha offerto ritiri a veterani di guerra, israeliani e palestinesi e agenti di polizia e ha esplorato le radici della paura, del terrorismo e del complesso militare-industriale. Ha condiviso il suo messaggio di pace con il Congresso degli Stati Uniti durante i bombardamenti in Iraq, e nei Parlamenti di India, Regno Unito e Irlanda del Nord. Ha guidato marce per la pace cui hanno preso parte migliaia di persone a Parigi, Los Angeles, Roma, Hanoi, Macau e New Delhi. In queste marce ha detto “Ogni passo è una realizzazione della pace, ogni passo è una preghiera per la pace”.

Ascolta la sua Preghiera per la Pace (il Canto della Grande Campana)

Quando di recente gli è stato chiesto come sia possibile sentisi in pace quando ci troviamo a far fronte alla crisi climatica e al collasso della civiltà, ha risposto: “Noi possiamo fare qualcosa ora. Non disperare. Tutti noi possiamo fare qualcosa. C’è ancora una possibilità. Riconosci cosa e fallo, e troverai la pace.”

Watch Thich Nhat Hanh’s talks and teachings on Peace
The Art of Being Peace
Should we use civil disobedience to stop violence?
If I had to choose between “peace” and “Buddhism”…

Economia e lavoro

Il tempo non è denaro. Il tempo è vita. Il tempo è amore.

Thich Nhat Hanh

Durante i ritiri offerti a uomini e donne d’affari, e nei suoi discorsi presso le sedi di grandi aziende, Thich Nhat Hanh ha sottolineato la necessità di imparare l’arte del vivere felicemente nel momento presente, senza sacrificare ciò che abbiamo ora per ottenere altro in futuro. “Potreste diventare vittime del vostro successo,” ci dice, “ma non sarete mai vittime della vostra felicità”.

Potremmo avere l’impressione di essere insostituibili, dice, e potremmo sacrificare tutto e tutti e dedicarci completamente alla carriera e all’azienda, incluso il tempo che altrimenti trascorreremmo con i nostri cari, o rilassandoci in natura, e che useremmo per fare quello che più ci nutre. Ma se rimanessimo vittime di un incidente domani, è probabile che la nostra azienda ci sostituisca entro 3 giorni

Devi scegliere. Vuoi essere il No.1? O vuoi essere felice?

Thich Nhat Hanh

Thich Nhat Hanh insegna che è necessario esaminare le nostre idee su cosa sia la “vera” felicità. Molte persone trascorrono la loro vita a rincorrere fama, potere, denaro e piaceri dei sensi, pensando che solo quando li otterranno potranno essere felici. Ma quando li ottengono, si rendono conto di non essere ancora felici. La felicità può essere trovata nel momento presente, quando viviamo profondamente nel momento presente, quando siamo in contatto con noi stessi, i nostri cari e la Terra. 

Quando tocchiamo la vera felicità avremo la visione profonda, il tempo e l’energia necessari per agire in modo da alleviare la sofferenza, la disuguaglianza e l’ingiustizia.

What do you really want to do with your life? 5:19

How corporate leaders can cultivate powerful intention and motivation.

Thich Nhat Hanh ha incoraggiato uomini e donne d’affari a coltivare le qualità della chiarezza, della compassione e del coraggio nella loro leadership, e a trasformare le loro aziende in vere comunità. Li ha invitati a creare opportunità di ascoltare profondamente i propri dipendenti, per rendersi conto sia delle loro sofferenze che delle loro aspirazioni, un modo concreto di applicare l’etica agli affari e generare l’energia necessaria per la trasformazione nelle aziende. Ci dice che è possibile trasformare le aziende in organizzazioni che possono migliorare il benessere e ridurne le sofferenze di dipendenti, delle loro famiglie, della società e della Terra.

Thich Nhat Hanh’s teachings for business people

Consapevolezza nell’educazione

Da molti anni, bambini e famiglie sono stati accolti durante il ritiro estivo annuale offerto a Plum Village, in Francia, oltre ad altri ritiri offerti in tutto il mondo. Dal 2008, Thich Nhat Hanh ha sottolineato l’importanza di offrire sostegno agli educatori condividendo la pratica della consapevolezza.

Nelle scuole è possibile insegnare molto di più che a leggere, scrivere, matematica e scienze. I programmi scolastici possono includere insegnamenti per i bambini e i giovani su come gestire la rabbia, come risolvere i conflitti, come respirare, sorridere e trasformare. Ci può essere una rivoluzione dell’educazione.

Thich Nhat Hanh
Happy Teachers Change the World – a film made at a retreat for educators in Toronto

Inizia dagli insegnanti

Thich Nhat Hanh ha sottolineato che la consapevolezza nell’educazione deve iniziare dagli insegnanti. Se un insegnante pratica la consapevolezza e la vive nella classe, sarà in grado di trasmetterla ai suoi studenti, che la insegni o meno in modo formale. Per questo motivo, monaci e monache dai monasteri di Plum Village hanno offerto ritiri per insegnanti in tutto il mondo e creato il movimento delle Wake Up Schools.

La prima cosa che un insegnante deve fare è tornare a casa, a se stesso o se stessa. La via di uscita è dentro di noi. Tornare a noi stessi e prenderci cura di noi stessi. Imparare a generare una sensazione di gioia, imparare a generare una sensazione di felicità, come gestire una sensazione dolorosa, un’emozione dolorosa.

Thich Nhat Hanh
Thich Nhat Hanh addresses a Francophone educator’s retreat

La classe come una seconda famiglia

È triste ma per molti bambini la famiglia non rappresenta un ambiente felice e sano dal punto di vista emotivo. Thich Nhat Hanh ha insegnato che per questi bambini, la classe offre una seconda opportunità come famiglia di sostegno. Se le scuole e gli insegnanti sono in grado di offrire tempo sufficiente per la comunicazione compassionevole nella classe, possono creare un ambiente che può aiutare bambini e giovani a guarire e a sentirsi sicuri.

In un nuovo sistema educativo, dovrebbe esistere la possibilità per gli insegnanti di trascorrere tempo con gli studenti e ascoltarsi l’un l’altro. Questo perché sia gli studenti sia gli insegnanti soffrono e se hanno modo di capire la sofferenza reciproca, potranno evitare di causare sofferenza all’altro. La comunicazione sarà ottimale e il lavoro degli insegnanti e l’apprendimento degli studenti saranno più semplici.

Thich Nhat Hanh
Nascondi Trascrizione

What is Mindfulness

Thich Nhat Hanh January 15, 2020

00:00 / 00:00
Mostra Nascondi Trascrizione Chiudi